Una passeggiata semplice da fare in Brianza, anche con bambini più piccoli, è quella che parte dal piccolo paese di Lissolo e che viene chiamato Sentiero dei Proverbi.
Il suo nome deriva dal fatto che nel suo percorso ad anello di circa 2 chilometri troverete circa 65 cartelli con i proverbi della tradizione brianzola…tranquilli, per chi non conosce il dialetto c’è anche la traduzione in italiano!

sentiero dei proverbi
In autunno inoltre potrete trasformare la vostra visita in una bella castagnata. Noi siamo stati proprio nel mese di ottobre e le castagne ci piovevano letteralmente in testa, fino a raccoglierne parecchi chili!

castagne brianza

Come arrivare al Sentiero dei Proverbi

Per arrivare al Sentiero dei Proverbi dovete recarvi in località Lissolo e precisamente a Valletta Brianza. Potete parcheggiare la macchina nei pressi del ristorante Il tetto Brianzolo, ma se andate nei weekend soprattutto in autunno cercate di non arrivare tardi perché viene spesso preso d’assalto dai cercatori di castagne.
Dopo il ristorante, prendete la strada a sinistra e dopo un centinaio di metri inizia il vero percorso nel bosco.

Il sentiero dei proverbi a Lissolo: consigli e curiosità

Siamo all’interno del polmone verde della Brianza, il Parco del Curone ha tantissimi percorsi che vanno più che bene per i piccoli camminatori. Eravamo già stati da queste parti quando vi raccontavo delle Piramidi della Brianza in zona Montevecchia.
Il sentiero dei proverbi inizia nel paese, poi prosegue nel bosco per terminare con l’ultimo tratto sulla strada asfaltata. E’ una passeggiata facile, un anello di circa 2 chilometri senza dislivelli particolari ma non adatto al passeggino. Molto meglio fascia o marsupio.

sentiero dei proverbi bambina

pannello del sentiero dei proverbi

Sbassà giò ul coo minga semper el voer dì de’ve perdù, cita uno dei pannelli, illustrati con i disegni di Filippo Brunello e realizzati con legname di recupero della zona.
La curiosità è che se letti nella successione corretta, formano la poesia “Squarci” di Paolo Menon, dedicata alla flora e alla fauna locali.
Le tavolette hanno anche la scrittura in braille, quindi sono adatte anche ai non vedenti.

Dove mangiare

Se volete portarvi il pranzo al sacco sono disponibili alcuni tavoli per pic-nic (non c’è invece acqua sul percorso).
Se invece preferite sedervi al ristorante vi posso consigliare “il tetto brianzolo” oppure prendere la macchina ed arrivare in dieci minuti a Cascina Bagaggera, agriturismo sociale e biologico della Brianza. Lì ci sono tanti tavoli tutti all’aperto dove poter degustare taglieri di salumi e formaggi, pizze, focacce e yogurt fatto in casa. Potrete poi fare visita agli animali della fattoria.

Cascina Bagaggera

Cascina Bagaggera

Dove dormire

Se siete via per il weekend, vi consiglio di visitare il delizioso borgo di Montevecchia e fermarvi lì a dormire. Il panorama sulla Brianza è davvero magnifico da lì! Qui tutte le strutture disponibili.

Se ti va, seguimi anche su Instagram per altri contenuti su viaggi e gite a portata di famiglia!

 

castagne