Capodanno in Toscana con bambini: Itinerario di 4 giorni

Se stai cercando una fuga per cambiare un po’ d’aria, magari al mare, anche d’inverno la Toscana e in particolare la Maremma è una soluzione ottima per una vacanza con i bambini! Se poi ci andrai come abbiamo fatto noi nel periodo di Capodanno, avrai magari qualche giorno in più per visitare questa bellissima regione.

La Toscana è una delle mie regioni preferite, sarà per il clima, per l’arte, per i paesaggi con le sue colline verdi che sembrano disegnate. Anche la Val d’Orcia ci ha conquistati!
Qui però ti mostro un itinerario perfetto per famiglie per visitare in 4-5 giorni i luoghi incantevoli della Maremma.

Giorno 1 – Castiglione della Pescaia

Decidiamo che Castiglione sarà la base del nostro mini-tour in Toscana. Per noi che veniamo da Milano sono circa 4 ore di macchina.
La decisione è semplice: innanzitutto è un paese di mare, e pur non facendo il bagno, il clima quando c’è il sole è molto mite, in quei giorni ci è capitato di stare fuori senza giacca. Attenzione solo al vento, che quando c’è può essere forte. Seconda motivazione, tra tutti i paesi della Maremma, è senza dubbio uno dei più caratteristici, con il suo centro e borgo medievale.

Dove dormire?

Noi abbiamo alloggiato all’Hotel Roma (clicca qui per vedere i costi), altrimenti puoi guardare qui tutti gli alloggi in città. 

Se preferisci un appartamento, spesso sul sito Airbnb ci sono delle ottime offerte.

Appena arrivati ci dirigiamo verso il centro città, in un bellissimo viale addobbato con luci natalizie, con tantissimi negozi molto sfiziosi e ristoranti di ogni tipo. Il viale porta verso il borgo medievale e, con una strada in salita, verso le antiche mura ed il Castello.

centro castiglione con bambini

Centro di Castiglione

Si può salire fino in cima anche con il passeggino, (non ci sono scale ma sampietrini, certo la salita è un po’ faticosa: valuta se adoperare zaino o marsupio). Non è possibile entrare dentro il Castello ma potrai fare il giro delle mura ed ammirare un panorama bellissimo. La Toscana ci accoglie con questo tramonto sul mare.

panorama castiglione della pescaia sul mare

Panorama dalle mura del castello

Castiglione inoltre ha tanti parco giochi per bimbi, quello più bello e particolare lo trovate in via Amerigo Vespucci, vicino al lungomare, dove un bellissimo battello in legno diventa uno scivolo. Non riuscivo più a togliere i miei figli!

Dove mangiare
Vi consiglio il ristorante pizzeria Da Celso, ottimo pesce (caciucco in particolare).
Per un aperitivo invece, lo Skipper Club è uno dei migliori.

 

Giorno 2 – Massa Marittima

Da Castiglione in macchina ci spingiamo verso l’entroterra, nel paesino di Massa Marittima (30-40 minuti di strada).
Viene definito “un capolavoro nella Maremma” ed effettivamente è così, sia per la storia che racchiude, sia per il panorama
Si parcheggia la macchina agevolmente subito fuori dal centro storico, e si arriva subito nella piazza principale dove la Cattedrale di San Cerbone riempie la vista con la sua imponente bellezza.

cattedrale di massa marittima

Cattedrale di Massa Marittima

Il sole ci consente di star addirittura fuori a fare colazione e bere un caffè in uno dei bar della piazza, il tutto è molto gradevole!

Saliamo verso la città alta e la Torre dell’Orologio (o del Candeliere) che è il punto panoramico d’eccellenza della città. E’ a pagamento, ovviamente essendo una torre ci sono tante scale quindi anche in questo caso valuta tu. Le mura percorribili a piedi non sono tantissime ma c’è veramente un panorama bellissimo sulla città e sulle colline che la circondano.

Attenzione è ora di mangiare! Se hai letto i miei articoli sui ristoranti per bambini (qui la mappa), sai bene quanto ci tenga ai posti family friendly. Ecco, ti direi, che qui forse è davvero il caso di fare un’eccezione. Sarà anche perché i ristoranti qui non sono molto numerosi, quindi o ti accontenti di una focaccia o pranzo al sacco, altrimenti, dammi retta, devi andare qui: Osteria Fate Briache.
Ci sono solo 10-15 coperti, è davvero piccolo, ma tutto curato nei minimi dettagli…e la cucina, divina!!! Ricordo ancora il sapore e la bontà di quella ribollita! Provare per credere.

Non andare ancora a casa però, c’è un luogo magico che sembra quasi segreto….
Percorri ancora le mura verso via Bastioni, e scoprirai un uliveto un po’ nascosto, non c’è quasi mai nessuno che passa, senti le campane suonare in lontananza….davvero un’atmosfera stupenda e rilassante.
Siamo stati un po’ lì a far giocare i bambini e poi via verso Castiglione.

massa marittima famiglia con uliveti

Giorno 3 – L’Argentario

Siamo sempre in provincia di Grosseto, ma a circa un’ora verso sud dalla nostra base, andiamo in quella che è il promontorio dell’Argentario, e mettiamo sul navigatore Porto Santo Stefano. È’ proprio da qui che partono i traghetti per l’isola del Giglio (ma ci andremo in estate).
Facciamo un giro sul bel Lungomare dei Navigatori e ci fermiamo a pranzo in un ristorante davvero molto buono, lo Sfizio.
Purtroppo un vento davvero insistente non ci consente di proseguire verso la Fortezza Spagnola, ma sembra una cosa carina da vedere.
Ci spostiamo verso l’altra sponda dell’Argentario, ovvero Porto Ercole.

Parcheggiamo la macchina nei pressi del porto e andiamo a piedi verso il cuore del borgo, perdendoci tra vicoli e piazzette che si affacciano sul mare. Molto caratteristico, a tratti purtroppo un po’ lasciata andare.
Sembra quasi un labirinto nonostante non sia così grande il borgo, arriviamo ad una chiesetta e alla Rocca Spagnola.

Se per caso capiti qui nel periodo di Natale, dev’essere molto suggestivo poiché ci hanno detto che si trasforma in una rappresentazione del presepe vivente e tutto il paesino diventa come Betlemme. Onestamente ti dirò carino ma nulla di eccezionale. Il giro in totale dura circa un’ora, poi decidiamo di fare un tour in macchina per cercare qualche altro scorcio per le nostre foto.

porto ercole

Panorama da Porto Ercole

Giorno 4 – Parco dell’Uccellina

Questa volta il navigatore indica Alberese, verso nord, circa 40 minuti di macchina su strada statale.
Il Parco dell’Uccellina (o Parco della Maremma) è davvero vastissimo si estende per 25 chilometri, da Principina a Mare fino a Talamone.
Ci rechiamo in biglietteria al Centro Visite Alberese (attenzione, non sono ammessi animali all’interno), da qui si possono scegliere molteplici itinerari (li trovi tutti nel link qui).
Noi avendo i passeggini scegliamo uno dei più semplici (percorso Faunistico e Forestale A5-A6) che ci permette in un 2 ore di cammino di fare un bel giro all’interno del parco e così costeggiando prima la spiaggia molto suggestiva, prendiamo un bel sentiero in mezzo al bosco.

parco della maremma alberi e spiaggia

Parco dell’Uccellina

Si possono incontrare varie specie di animali, come daini, volpi, tassi e conigli.
Non si chiamerebbe con questo nome se non avesse anche una fauna avicola così ricca, infatti sappiamo che sia stata appena ricostituita un punto strategico per il birdwatching (capanno di osservazione di Bocca d’Ombrone).
Mentre passeggiamo e Antonio ci fa da guida sulle varie specie di piante e di fiori che incontriamo…ecco che avvistiamo una volpe! I bambini felicissimi!
Peccato però, niente daini questa volta.
Consiglio pranzo al sacco per mangiare, non ci sono grandi ristoranti nella zona. Torniamo a casa stanchi della camminata ma altrettanto soddisfatti.

Cosa dire di una vacanza in Maremma con i bambini…di tutto e di più.
Ottimo cibo, clima mite, un sacco di natura e di piccoli borghi.

Se invece vuoi andarci in estate, ti consiglio l’articolo sulle spiagge migliori che non puoi perdere!