La Toscana è una regione ideale da scoprire in camper, ci sono diverse aree attrezzate e campeggi e le strade non sono troppo difficoltose da percorrere. E’ così che Sara e la sua famiglia della Casa Viaggiante ci racconta il suo viaggio in camper con i bambini tra la Maremma, mix perfetto di mare e natura, e i meravigliosi borghi dell’entroterra.

Toscana in camper

Itinerario in camper in Toscana, tra la Maremma e l’entroterra

La Maremma e le sue Spiagge

Si può iniziare con una tappa di mare in alta Maremma, nella zona di Follonica: a Riotorto ci sono diverse possibilità di sosta per i camper, in campeggio al Camping Pappasole, una struttura bellissima e con servizi di alto livello, oppure in area sosta: ce ne sono ben due a pochi passi dalla spiaggia di Carbonifera.
Volendo si può anche organizzare una escursione a Cala Violina, a Scarlino: una spiaggia molto particolare chiamata così per via dei minuscoli granelli di quarzo che la compongono, che sembrano suonare sotto i nostri passi suonando una dolce melodia. Cala Violina è una riserva naturale e si può raggiungere solo a piedi, in bicicletta o in barca, prenotando l’accesso in anticipo.

spiagge della maremma

Splendida anche la zona di Punta Ala. Anche qui vi aspetta un mare bellissimo, spiagge di sabbia adatte ai bambini e la vista sull’Isola d’Elba che dista solo pochi chilometri. Diverse le possibilità per la sosta camper, dai campeggi (a noi è piaciuto il Baia Verde) alle aree di sosta. Se siete da queste parti poi non può mancare una visita a Castiglione della Pescaia, davvero un gioiello di paese.

Alla scoperta dell’ entroterra toscano

Poi si va alla scoperta del meraviglioso entroterra, con le colline verdeggianti, intervallate da sprazzi di giallo dei campi di grano e girasoli. Ma anche di viola! Eh sì perché in Maremma si trovano anche dei campi di lavanda, come da Lavanda di Maremma, a Giuncarico, oppure nella zona di Civitella Marittima. D’obbligo fare una sosta per godersi lo spettacolo che ci trasporterà per un attimo in Provenza.
Per le famiglie con piccoli amanti degli animali al seguito, da segnarsi assolutamente la fattoria di alpaca di Sasso d’Ombrone, Albus Alpacas che organizza bellissime attività a contatto con questi buffi e dolci animali che conquisteranno grandi e piccoli!
Proseguendo nell’entroterra maremmano, da non perdere una tappa alle Cascate del Mulino di Saturnia, per un’esperienza insolita: si tratta di cascate naturali di acqua termale calda, ad accesso libero e gratuito. Un luogo che sembra fatato, con il colore azzurrino dell’acqua, il bianco dei gradoni calcarei formati dall’acqua e la vegetazione circostante. Certo, c’è anche l’odore di zolfo che vi resterà incollato addosso per giorni, ma vi assicuro che ne vale la pena! Area camper Alvere dei Pinzi a poca distanza dalle cascate.

cascate di saturnia

Le cascate del Mulino di Saturnia

Proseguiamo verso la regione dei tufi: qui sorgono alcuni borghi davvero imperdibili, primo tra tutti Pitigliano, uno dei borghi più belli d’Italia che per quanto mi riguarda è uno dei più belli mai visitati. Arroccato su una rupe di tufo, offre un colpo d’occhio davvero strepitoso. Splendidi anche Sorano e Sovana, e con i bambini che magari stanno studiando gli etruschi a scuola, vale la pena anche esplorare le vie cave etrusche che si estendono in tutta questa zona. Trovate aree sosta camper in tutti e 3 i borghi.

paesaggio su pitigliano

Scorcio su Pitigliano, la piccola Gerusalemme

Prima di tornare verso il mare, vale la pena fermarsi a visitare il Giardino dei Tarocchi di Capalbio, un posto davvero eccentrico e stravagante: un parco di sculture e installazioni colorate e fantasiose, che richiamano i soggetti dei tarocchi. Le sculture ricordano lo stile di Gaudì, che ispirò l’artista franco-statunitense Niki de Saint Phalle l’ideatrice di questo luogo davvero unico. Ricordatevi di prenotare il biglietto in anticipo, il camper lo potete parcheggiare nel parking del parco.

giardino dei tarocchi

Il giardino dei tarocchi di Capalbio

L’Argentario

E ora ci riportiamo sul mare della maremma, sull’Argentario: un promontorio circondato dal mare e collegato alla terraferma dai tomboli della Giannella, della Feniglia e di Orbetello. Qui ci si può godere un mare bellissimo e pulito, ed è una zona perfetta per gli amanti degli sport acquatici perché rimane sempre piuttosto ventosa. Non mancano i camping in cui godersi un po’ di relax, e le aree camper (le più famose sono l’area I Delfini a Orbetello e la Sosta di Feniglio a Porto Ercole.
Se volete variare un po’ rispetto alla vista da spiaggia, potete fare bellissime passeggiate naturalistiche alla scoperta della selvaggia natura maremmana, ad esempio alla Riserva Naturale Duna Feniglia dove potrete avvistare i daini.
Un po’ più a nord, a Marina di Alberese, è invece possibile fare passeggiate nel Parco dell’Uccellina, a cavallo o uscite in kayak per vivere la natura maremmana da una prospettiva diversa. Gli amanti della bicicletta qui troveranno una stupenda ciclabile che dal paese di Alberese porta alla spiaggia selvaggia lungo un percorso pianeggiante di circa 8,5 km, immerso nella natura maremmana. Avrete la possibilità di incontrare lungo il percorso i cavalli e le vacche maremmane con le loro lunghe corna dalla caratteristica forma. Con il camper si può sostare all’Alberese Camper Park.

Come avete visto la Toscana è davvero un territorio ricchissimo da girare in camper!

Se siete camperisti non perdetevi qui altri spunti di viaggi in camper in Italia!