Dopo la nostra avventura nel glamping vicino al Monte Amiata, il nostro tour toscano continua andando alla scoperta della meravigliosa Val d’Orcia, tra borghi d’altri tempi, vigneti e colline a perdita d’occhio.

Ecco, vi ricordate quando nel film di Mary Poppins, magicamente i bambini entrano dentro il quadro? Appena arrivati in questa valle ci siamo sentiti così, immersi in un dipinto.

val d'orcia vigneti

Val d’Orcia tra borghi e cantine: dove e quando andare

La Val d’Orcia è quella zona della toscana tra Siena e il monte Amiata, attraversata dal fiume Orcia, che comprende i cinque comuni di Castiglione d’Orcia, Montalcino, Pienza, Radicofani e San Quirico d’Orcia.

Premesso che ognuno di questi meriterebbe una visita, ti dirò cosa abbiamo fatto noi in due giorni di tempo.

Quanto al periodo in cui andare, c’è l’imbarazzo della scelta in quanto ogni stagione veste le colline di colori che la rendono unica: il clima è sempre mite, tipicamente mediterraneo, e anche in inverno è difficile trovare una giornata rigida.

Una piccola curiosità: vi ricordate l’inizio del famoso film holliwoodiano “Il Gladiatore” ? Si, è stato girato proprio da queste parti!

Ecco il nostro video Youtube vista drone, sono certa che ti piacerà!

Dove alloggiare? 

Noi siamo stati in questo bellissimo appartamento con Airbnb, ma ci sono davvero tantissime soluzioni ottimali per visitare tutte le bellezze della zona!

 

VAL D’ORCIA TRA BORGHI E CANTINE: COSA VEDERE IN DUE GIORNI

 

VENDEMMIA E DEGUSTAZIONE

Prima di tutto, viaggiando coi bambini abbiamo iniziato con un’attività che potesse coinvolgerli in prima persona. In settembre, tra i vigneti del Sangiovese e del Brunello, cosa poteva esserci di meglio se non provare a vendemmiare?

Ed è così che abbiamo avuto la fortuna di scoprire la cantina Franco Pacenti di Montalcino, proprio in occasione di un momento molto particolare per gli esperti del settore: il cosiddetto “diradamento” consiste nel selezionare solo i grappoli migliori, per avere un vino ancora più pregiato.

Appena arrivati, i proprietari ci hanno fatto fare un vero tour delle vigne, raccontandoci con passione la storia della loro famiglia e delle loro terre. Infatti è ancora oggi un’azienda a conduzione familiare, gestita da Franco Pacenti e dai suoi figli Lisa, Serena e Lorenzo, che sono la terza generazione della famiglia.

vendemmia val d'orcia

 

val d'orcia cantine

Muniti di forbici e cestino, abbiamo quindi iniziato la raccolta insieme ai bambini, cercando i grappoli più belli e correndo tra le vigne e respirando la vera libertà della campagna. Nel frattempo, gli animali della fattoria, e i trattori ci facevano compagnia per la gioia dei piccoli.

In seguito abbiamo fatto visita alle cantine, dove tra le enormi botti abbiamo imparato qualcosa di più riguardo al vino buonissimo che beviamo nei più pregiati ristoranti…per esempio, lo sapevate che il Brunello necessita di ben 5 anni in botte prima di essere sulle nostre tavole?

E finalmente, arriva il momento topico della visita alla Franco Pacenti….la degustazione, in una terrazza meravigliosa con vista panoramica! Noi adulti abbiamo assaggiato il Rosso di Montalcino DOC, il Brunello di Montalcino DOCG e il Brunello di Montalcino DOCG Riserva.

Per i bambini invece…succo d’uva ! E per intrattenerli fogli e matite per colorare!

Non possiamo che consigliare questa esperienza, perfetta per tutti, famiglie, coppie di fidanzati ed amici.

val d'orcia cantine

val d'orcia cantine

MONTALCINO

Proprio a pochi minuti dalla cantina Franco Pacenti, si trova il bellissimo e famoso borgo di Montalcino, circondato da mura medievali e dominato da un bellissimo castello.

Si può parcheggiare in uno dei posteggi al di sotto del centro storico (chiuso al traffico) e in 5 minuti a piedi si arriva alla Rocca (in quel momento chiusa al pubblico per restrutturazione). Inutile dire come le vie del centro siano fitte di enoteche e di piccole botteghe, in un’atmosfera davvero d’altri tempi. Di sicuro potrai scattare molte foto caratteristiche, alla Rocca, in Piazza del Popolo, o al suo Duomo.

Abbiamo mangiato in un’osteria del centro un buon piatto di pici, tipici della zona, passeggiato tra i suoi vicoli, e via verso le prossime tappe.

val d'orcia borghi

 

montalcino enoteca

ABBAZIA DI SANT’ANTIMO

Sempre nelle vicinanze di Montalcino, si trova l’abbazia di Sant’Antimo, uno dei monumenti in stile romanico più importanti della Toscana.
Leggende narrano che il fondatore fu addirittura l’imperatore Carlo Magno.

Vero o no, è senza dubbio un posto incredibile, sia da ammirare all’esterno, in un paesaggio incantato quasi surreale, sia al suo interno.

sant'antimo toscana

I CIPRESSI DI POGGIO COVILI

In ogni strada e in ogni angolo della Val d’Orcia ci si potrebbe fermare a scattare milioni di fotografie. Senza dubbio ci sono alcuni punti più caratteristici e anche, per i più social, più “instagrammabili”.

Uno di questi è il viale alberato dell’agriturismo Poggio Covili, molto bello da fotografare sia frontalmente che mentre si arriva, guardando i filari di cipressi che degrada sulla collina.

val d'orcia cipressi

 

Un altro punto molto fotografato è senza dubbio la Cappella della Madonna di Vitaleta, davvero una cartolina. Si trova lungo la strada provinciale di Chianciano 146 tra Pienza e San Quirico d’Orcia.

 

BAGNI SAN FILIPPO

Per non farci mancare proprio nulla, decidiamo di andare ai Bagni San Filippo, unico stabilimento termale ad accesso libero e gratuito di questa zona.

Per questo motivo è molto frequentato, pertanto è meglio andare in settimana per evitare affollamenti (soprattutto in questo periodo).  Si parcheggia lungo la strada (a pagamento, 1 € l’ora) e scendendo dalla discesa si segue l’indicazione Fosso Bianco.

La particolarità di questo posto sono le bianche formazioni calcaree create dalle acque termali, il tutto intervallato da piccole pozze di acqua tiepida e cascatelle.

Le prime pozze sono poco distanti ma per vedere la famosa cascata della Balena bianca basta spingersi poco più a valle, in un suggestivo percorso pedonale immerso nel verde.

bagni san filippo

bagni san filippo

 

Altre cose da non perdere, se vi trattenete qualche giorno in più:

Pienza: la famosa città del pecorino, un delizioso borgo, tra botteghe, panorami e stradine romantiche. Per gli innamorati, d’obbligo una foto sotto la via del Bacio!

San Quirico d’Orcia: è un borgo antichissimo immerso in uno scenario fiabesco, fatto i vigneti e uliveti, lungo la Via Francigena.

Bagno Vignoni: piccolo paese caratterizzato da una grande vasca da cui sgorgano acque termali, molto romantico.

 

Senza dubbio la Val d’Orcia, tra borghi e cantine, offre davvero tantissime alternative e ci vorrebbero più giorni per visitarla bene, certo è che ti rimane nel cuore.

Se ti è piaciuto l’articolo, condividilo nei tuoi canali social!