È difficile descrivere le emozioni che questa città trasmette. Anche se ci siete già stati, ogni volta la Ville Lumiere riesce a regalarti sensazioni diverse, scorci meravigliosi, esperienze da vivere, locali che sembrano usciti da un libro.
Questa volta che sono tornata a Parigi con i bambini è stato davvero un sogno che si è realizzato.

Non vi nascondo che non è stato semplice organizzare questo viaggio: tante cose da vedere in poco tempo, motivo per cui qui vi darò tutti i consigli per visitare Parigi con i bambini se avete solo due o tre giorni a disposizione. La premessa è che noi abbiamo abbinato 2 giorni (pieni) a Parigi con altri 2 giorni a Disneyland Paris. Naturalmente potete decidere di fare l’uno o l’altro, ma se venite con i bambini il consiglio è di fare entrambe le esperienze.

notre dame viaggio a parigi

La cattedrale di Notre Dame, ad oggi ancora in restauro

parigi senna

Parigi al tramonto

Come arrivare a Parigi dall’Italia

Ci sono diverse soluzioni, ma la più veloce rimane ancora l’aereo e se prenotate con largo anticipo rimane anche la scelta più economica.
Si può valutare anche di prendere il treno: da Milano parte un Frecciarossa che in 6 ore ti porta direttamente a Parigi città. Purtroppo con la pandemia non c’è più il treno notturno, che ci avrebbe fatto risparmiare un bel po’ di tempo. Con 5 giorni a disposizione quindi abbiamo optato per un comodo volo Easyjet Milano Linate – Parigi Orly, (1 ora e mezzo di volo, tra spostamenti e check-in considerate 4 ore in totale). Gli altri aeroporti di Parigi sono Charles de Gaulle (collegato alla Rer A) e Beauvais Tille ma quest’ultimo lo sconsiglio perché davvero fuori mano.

Come muoversi a Parigi: metro, Rer e Uber

Parigi è servita perfettamente dalla metropolitana grazie alle sue 15 linee che collegano i vari punti della città. A queste si aggiungono le 5 linee RER (come il nostro “passante”) che attraversano Parigi per collegare le periferie e sono utilizzabili in combinato con la metro anche al centro città. Gli aeroporti sono entrambi collegati alla Rer quindi potrete arrivare comodamente in centro in circa mezzora.

Per risparmiare, comprate il carnet da 10 biglietti (c’è sia per adulti che per i bambini che pagano la metà), vedrete che lo userete tutto in un weekend! In alternativa si può acquistare anche la Paris Visit che consente spostamenti illimitati per 1-2 giorni.

Un’altra ottima alternativa che abbiamo testato soprattutto per gli spostamenti da e per aeroporto è stata Uber, la app con cui puoi richiedere un servizio macchina, molto più veloce ed economico del taxi. Tutto legalizzato, peccato che non ci sia anche in Italia. Scaricate la App, scrivete dove volete andare e in pochi minuti arriverà un autista Uber che vi porterà dove richiesto.

hotel de Ville Parigi

Visitare Parigi con i bambini: consigli per visitare la città

Non basterebbe una settimana per vedere bene tutta Parigi! Quindi, come accade per tutte le grandi città dovete fare una scelta a seconda dei giorni che avete a disposizione. Qualcosa ahimè, si dovrà sacrificare. Qui l’itinerario completo dei nostri giorni a Parigi.
Per esempio, nel nostro caso, avendo i miei figli 8 e 5 anni e con soli 2 giorni abbiamo optato, a malincuore, per saltare tutti i musei. Avendo magari i bambini più grandi, oppure più piccoli (col passeggino li portavo ovunque, poi lo sapete si addormentano!) si può tranquillamente andare al Louvre, al Musee d’Orsay a vedere gli impressionisti oppure al Museo di Picasso. Noi abbiamo scelto di visitare Parigi e i suoi quartieri, i suoi parchi e le sue attrazioni principali, ma è molto soggettivo. Non potevo pensare di non vedere il mio quartiere preferito Montmatre, Notre Dame, L’arco di Trionfo e naturalmente la Tour Eiffel. Ottimo motivo per tornare a Parigi un’altra volta e magari fare i musei e la reggia di Versailles.

parigi famiglia tour eiffel

parigi louvre
A proposito di passeggino, è ben sapere che non è così agevole visitare Parigi col il 4 ruote per i piccoli. Ci sono davvero tante scale sia in metropolitana che in giro per la città. Valutate quindi se utilizzare una fascia o marsupio.
Nonostante la fitta rete di metro, Parigi è una città meravigliosa da visitare a piedi. Anche perché le sue attrazioni spesso sono vicine le une alle altre e quindi per poche centinaia di metri è inutile prendere i mezzi. Fatto sta che il 2° giorno abbiamo camminato per 15 chilometri! Mettete scarpe comode, portatevi borracce d’acqua, e fate tante soste.
Nell’articolo dedicato all’itinerario di Parigi in due giorni potete vedere tutti i dettagli. Vedrete anche come i parco giochi sono state delle soste fondamentali per farli riposare, così come il battello sulla Senna.

parchi e giardini a parigi

Jardin du Luxembourg

gita in barca sulla senna

Il Ponte Alessandro III visto dal battello sulla Senna

Dove dormire a Parigi con i bambini

Anche in questo caso le scelte sono infinite, e tenete conto che soggiornare a Parigi può essere davvero molto costoso, soprattutto in famiglia. Il consiglio che vi do è di cercare un alloggio vicino alla fermata della metropolitana. Noi abbiamo soggiornato all’Hotel Villa Modigliani, vicino ai Jardin du Luxembourg, fermata Vavin (linea 4, comodissima per arrivare in centro) a soli 100 metri. Il quartiere è molto vivo ma l’albergo è in una via a senso unico quindi poco trafficata e le camere danno su una corte interna quindi molto silenzioso. Anche la colazione è ottima.

dove dormire a parigi

L’ingresso dell’hotel villa Modigliani

In alternativa qui potete trovare gli alloggi più vicini alla Tour Eiffel (anche se più distanti dal centro città).

Quindi, vale la pena visitare Parigi con i bambini? Parigi val ben una messa, anche in famiglia!